Goditi il verde!

Goditi il verde!

Sei roso dall’invidia per il rigoglioso prato del vicino? A confronto il tuo giardino pare il risultato di una catastrofe nucleare? Rilassati! Ecco 5 consigli per avere un verde invidiabile che tu abbia o meno attitudine per il giardinaggio.   

Primo. Il tuo giardino ha bisogno di te. 

Sii onesto con te stesso, ti sei davvero preso cura dei vegetali che hai acquistato in perfetta forma e che dopo qualche giorno hai abbandonato al loro destino? Meglio essere chiari con il tuo negoziante di fiducia quando scegli le piante nei tempi e nell’attenzione che intendi dedicare al giardino. Ricorda di fornire informazioni importanti come l’esposizione, l’accesso a fonti d’acqua e qualche indicazione sul tipo di terreno: argilloso, sabbioso, limoso o ghiaioso.  Un bravo professionista del verde ti saprà consigliare le piante in relazione alla loro resilienza, adattabilità e alle diverse necessità di cura e attenzione.  

Secondo. Nella scelta delle piante, osa con coscienza.

Sei rimasto affascinato da quell’arbusto tropicale dai sgargianti fiori lilla e dagli intesi profumi che hai notato durante un viaggio ai caraibi? Non azzardare troppo sulle piante non autoctone. Vero che potrebbero far crepare d’invidia il vicino, ma rischierebbero di morire anche loro alle prime bizze del clima.

Terzo. Scopri, leggi, impara... Il giardinaggio potrebbe piacerti davvero molto.

Il giardinaggio è quasi una ossessione per alcuni popoli del mondo, ad iniziare dagli inglesi. Di fatto è un hobby equilibrato che fa del ritrovato e quotidiano rapporto con la natura una chiave per il benessere e per l’armonia interiore. Prendersi cura di fiori e piante, vivere i cicli naturali delle stagioni con maggiore consapevolezza, diventa un esercizio di rilassamento, quasi spirituale. Tra riviste online e in edicola, le fonti di informazione sono davvero molte.

Quarto. Attenzione all’acqua (e ai suoi costi)

Presta la dovuta attenzione all’efficienza dell’impianto di irrigazione e calcola attentamente le necessità idriche delle tue piante se non vuoi che il relax nel verde venga funestato dal rosso di un salasso idrico. Come? Disegna un rilievo del tuo giardino, distingui le zone da irrigare da rimesse e vialetti, considera se vi siano prati, siepi, cespugli o piante ad alto fusto, le loro necessità idriche e come amano ricevere l’acqua. Ad esempio, se per il prato va bene l’irrigazione a pioggia, le siepi preferiscono l’irrigazione a goccia, altrimenti si rischiano malattie fungine.

Attenzione ai ristagni d’acqua! Sono il presupposto per il proliferare delle vere guastafeste di ogni bella serata estiva: le zanzare. 

Dimensionato correttamente l’impianto e calcolata la quantità d‘acqua di cui hai bisogno, se intendi approvvigionarti da pozzi, laghetti o cisterne è allora essenziale una pompa per irrigazione. Talvolta è necessaria anche quando si desidera utilizzare l’acqua dall’acquedotto ma la pressione non è adeguata per alimentare l’impianto. In questo caso consigliamo Esybox Mini 3 di DAB, un piccolo sistema di pressurizzazione che consente di aumentare e rendere costante la pressione dell’acqua. È ideale per il giardinaggio e in ambito domestico. Il fatto di essere dotato di un inverter, permette di far variare al motore il numero di giri in base alla richiesta, consentendo una grande efficienza e quindi un importante risparmio energetico.

Se si attinge invece da canali, laghetti, fossati ma anche fiumi e falde e l’impianto di irrigazione ha fino a quattro irrigatori, il consiglio è di utilizzare Dab Jet 102, ottima per giardini di medie dimensioni. Si tratta di una pompa centrifuga autoadescante che può essere usata anche per pozzi fino a otto metri di profondità e per le cisterne di recupero dell’acqua piovana.

Un’alternativa per giardini di dimensioni più contenute con un impianto di massimo tre irrigatori è Tallas D-jet 1100. Una scelta che premia maneggevolezza e leggerezza date da un corpo compatto e una struttura in plastica che però non è indicata nel caso di un uso continuativo e che deve essere posizionata in un luogo asciutto.

Quinto. Goditi il verde (e gli sguardi ammirati dei passanti)

Ogni fatica merita una ricompensa. A volte ci dimentichiamo di godere dei nostri successi. E allora l’ultimo consiglio va proprio nel senso di ricordarti di prenderti il tempo per godere orgogliosamente del tuo lavoro e dei tuoi sforzi. Un giardino bello e curato è una delizia per gli occhi, una soddisfazione per i sensi. Rendilo abitabile con funzionali arredi per esterni, perché sia davvero la tua seconda casa, accogliete e fragrante dei diversi profumi delle tue piante, per tutta la stagione calda. 

Dubbi nella scelta della pompa più adatta alle tue esigenze? Scrivici qui.